FACCIATE VENTILATE

Soluzioni in cotto per facciate ventilate

Efficienza, razionalità ed estetica

La tecnica delle facciate ventilate nasce dall’esigenza di integrare tre elementi essenziali dell’architettura moderna quali efficienza, razionalità ed estetica. Tutto ciò in funzione della nuova concezione del progetto in cui l’attenzione all’immagine si inserisce in un ottica attenta proiettata al contenimento del consumi energetici e all’ottimizzazione del comfort. L’applicazione sull’edificio del rivestimento ventilato permette notevoli vantaggi.

Schermatura all’acqua

Tradizionalmente la tecnica più diffusa in campo edilizio per evitare l’infiltrazione dell’acqua all’interno dell’edificio prevede l’utilizzo di materiali sigillanti per eliminare le aperture. La difficoltà di una posa a regola d’arte di questi materiali, le sollecitazioni a cui sono sottosposti a causa della dilatazione termica dei materiali e l’esposizione diretta ai raggi solari provocano spesso deterioramento del sistema se non a fronte di alti costi di manutenzione.
La tecnica del rain screen mira invece ad eliminare le cause che causano la penetrazione dell’acqua .
Infatti la presenza combinata del paramento esterno costituito dalle lastre montate a secco e della camera d’aria retrostante connessa con l’ambiente esterno tramite le fughe fra le lastre permette di:

  • intercettare gran parte dell’acqua piovana (schermatura meccanica con elimi nazione della forza di gravità gravità e dell’energia cinetica)
  • evitare fenomeni di infiltrazione per capillarità
  • evitare fenomeni di passaggio di acqua per differenza di pressione (equalizzazione della pressione)

Controllo dell’umidità e condensa interstiziale

La presenza della camera d’aria permette al vapore acqueo, grazie alla differenza di pressione fra l’interno e l’esterno, ed in presenza di strati permeabili al vapore, di passare attraverso la parete ed essere eliminato grazie al moto convettivo che si instaura nella camera d’aria. L’effetto camino permette inoltre l’evaporazione in tempi brevi dell’acqua di costruzione degli altri materiali costituenti la parete ed assemblati a “umido”.

Risparmio energetico per effetto camino

In estate le pareti ventilate costituiscono uno schermo alla radiazione solare: il calore accumulato sulla superficie della parete non viene trasmesso agli strati sottostanti ma dissipato grazie all’effetto camino: tra il rivestimento esterno e la parete si forma un flusso d’aria diretto dal basso verso l’alto che permette l’evacuazione del calore dalle fughe e dalla sommità della parete.

Eliminazione dei ponti termici

I ponti termici sono punti critici dell’involucro edilizio i quali presentano un valore di conduttività maggiore rispetto agli elementi costruttivi adiacenti. In queste zone si possono formare macchie, muffe, deterioramento delle parti costruttive e conseguente incremento della  dissipazione energetica. Il sistema di parete ventilata, grazie alla posa dell’isolante dall’esterno senza soluzione di continuità permette una facile e vantaggiosa riduzione dei ponti termici.

Inerzia termica

Con l’utilizzo di una parete ventilata l’ambiente interno, durante il periodo invernale, risente meno degli sbalzi termici e dell’interruzione durante le ore notturne del riscaldamento: l’isolamento posto sul lato esterno della parete permette di mantenere praticamente tutta la massa dell’edificio ad una temperatura superiore a quella che si otterrebbe isolando l’edificio dall’interno.

Comfort acustico

La parete ventilata permette un isolamento termoacustico costante: i giunti fra le lastre, l’intercapedine d’aria e l’isolante termico, la sua composizione a strati di diverso peso specifico, assicurano un elevato abbattimento dell’inquinamento acustico. L’utilizzo del cotto incrementa le prestazioni acustiche in quanto oltre ad isolare dai rumori provenienti dall’esterno, garantisce un ottimo comportamento acustico nei confronti della pioggia e della grandine.

Comfort ambientale

Con l’utilizzo di una parete ventilata l’ambiente interno, durante il periodo invernale, risente meno degli sbalzi termici e dell’interruzione durante le ore notturne del riscaldamento: l’isolamento posto sul lato esterno della parete permette di mantenere praticamente tutta la massa dell’edificio ad una temperatura superiore a quella che si otterrebbe isolando l’edificio dall’interno.

Manutenzione e durabilità

Le caratteristiche prestazionali di una parete ventilata rendono l’impiego della parete ventilata una scelta ottimale nell’ottica della manutenzione e della durabilità dell’involucro edilizio grazie alle sue caratteristiche di:

mantenimento delle prestazioni sotto effetto del calore, dell’irraggiamento solare, dell’acqua piovana, del gelo e del disgelo ovvero resistenza alle variazio ni di temperatura grazie alla protezione nei confronti degli agenti atmosferici e della condensa, al moto convettivo nel canale di ventilazione che mantiene asciutte le pareti interne dell’intercapedine e dell’isolante, alla protezione all’acqua, alla protezione dall’irraggiamento e dalle sollecitazioni termiche dei componenti edilizi tipo guaine, isolanti;

mantenimento delle prestazioni sotto l’effetto di nebbie, delle atmosfere indu striali e ambientali, dei venti di sabbia grazie all’ingelività e resistenza agli agenti atmosferici del paramento esterno in cotto;

sostituibilità in opera dei vari componenti in caso di necessità, possibilità di lavare il rivestimento, di verificarne lo stato di conservazione e ripristinarlo solo ove necessario.

Le nostre pareti ventilate